Elena Garosi fattoria didattica Cascina Basalganella  4  .jpg
blog
 / News

ELENA GAROSI E' LA NUOVA PRESIDENTE DEL CONSORZIO

Eletto il nuovo Cda: 6 uomini e 6 donne. "Rilanciare la multifunzionalità": la priorità della neo presidente

15 Giugno 2021

L’assemblea del Consorzio agrituristico mantovano che si è tenuta ieri sera ha eletto il nuovo consiglio di amministrazione, che è così composto: Garosi Elena di Ceresara, Vanessa Milani di Volta Mantovana, di Serena Dossi di Pozzolo, di Daniela Bertoletti di Canneto sull’Oglio, di Claudia Rasori di Curtatone, Paola Tondelli di Bondanello, di Fabio Spazzini di Guidizzolo, di Amedeo De Padova di Suzzara, di Francesco Bissoli di Castel d’Ario, di Alberto Scaroni di Viadana, di Gabriele Mezza di Moglia e di Giancarlo Bonamenti di Mantova, in rappresentanza della Camera di Commercio di Mantova. Vicepresidenti sono risultati eletti la dott.ssa Claudia Rasori di Curtatone e Fabio Spazzini di Guidizzolo. 

Il nuovo presidente nominato dal cda per il triennio 2021 – 2023 è la dott.ssa Elena Garosi che subentra alla dott.ssa Claudia Rasori, a conclusione del suo mandato.

Chi è il nuovo presidente

Elena Garosi, 47 anni, laureata in psicologia del lavoro presso l’università di Padova, conduce l’azienda agrituristica e fattoria didattica e sociale Cascina Basalganella, con sede a Ceresara. All'attività tradizionale come agriturismo, unisce la pet therapy, la lombricoltura e la bacchicoltura.

Dopo aver lavorato per tanti anni nel mondo della disabilità ha deciso di portate le sue passioni e attitudini nel mondo dell'agricoltura sociale, mondo già di per sé vocato per dare benessere alle persone fragili. Elena Garosi da 12 anni lavora con famiglie, bambini e anziani.

Credo tantissimo nel bisogno di rinnovamento, il consorzio ha delle basi solide da cui partire, ma c'è bisogno di rivalorizzare l'agriturismo e tutto quello che è multifunzionalità, non basta parlare solo di “prodotto” ma è importante far capire come nasce, da dove viene e da chi viene lavorato. Sono molto contenta che nel nuovo cda ci siano 6 donne perchè c'era bisogno di un tocco femminile di donne giovani o con famiglia, di chi si è appena affacciato in questo mondo e di chi lo conosce da sempre. Ora siamo ben rappresentate” - è il commento della neo Presidente Garosi.

Chi è il nuovo presidente

Approvazione del bilancio, 20 anni di attività e progetti

L’assemblea del Consorzio agrituristico mantovano, ha registrato un’ampia partecipazione di aziende associate, parte in presenza e parte da remoto, nel pieno rispetto delle normative Covid-19. L'incontro ha avuto luogo nel XX^ anniversario della legge di orientamento (D.Lgs. 228/2001) che ha incentivato lo sviluppo dell’agricoltura multifunzionale, dell’agriturismo e delle varie forme della vendita diretta. 

Dopo l'approvazione del bilancio, il rinnovamento delle cariche sociali, nel nuovo cda sei donne e sei uomini come alla base della sua stessa fondazione nel 1998, a seguito di un progetto di imprenditoria femminile. Non solo, ma la stessa struttura del personale del Consorzio vede la netta prevalenza di donne. 

Vent’anni che hanno visto il Consorzio protagonista della trasformazione dell’agricoltura mantovana, con la creazione, tra le prime esperienze in Italia, di agriturismi, fattorie didattiche, fattorie sociali e mercati contadini, rendendo la nostra provincia un laboratorio di innovazione ed un punto di riferimento a livello nazionale. L’emergenza sanitaria non ha impedito di guardare al futuro, con impegno e determinazione: i siti (agriturismomantova.it e prodottoinfattria.it) sono stati rinnovati ed è stato realizzato, per la prima volta, il sito istituzionale del Consorzio. Sono stati organizzati eventi e pubblicate le guide ai programmi delle fattorie didattiche e agli appuntamenti di “Di zucca in zucca”. Sono state riproposte, con successo, quattro domeniche di “ Per corti e cascine”, sono stati aperti nuovi mercati contadini e create nuove forme di vendita diretta, come le consegne a domicilio e la raccolta libera in campo.

Le limitazioni ed i lunghi periodi di chiusura delle attività agrituristiche non hanno impedito di lavorare per la ripresa. Fra poco, saranno operative 2 App dedicate al pescaturismo e al cicloturismo, i settori più importanti del turismo rurale mantovano. Inoltre, sono stati prodotti video promozionali delle singole aziende, è continuata l’organizzazione di eventi e la diffusione di guide tematiche dedicate alla zucca, alle fattorie didattiche, alla mostarda e al salame. 

Il programma del Consorzio per l’anno in corso, vede l’ampliamento delle zone servite dalle consegne a domicilio, l’attivazione di un nuovo servizio di consegne agli agriturismi e una forte campagna di animazione dei mercati contadini, con l’allestimento di mostre e iniziative sui social. 


I numeri dell'agriturismo mantovano

L’agriturismo mantovano conta 240 aziende, secondo in Lombardia, ma ha ancora notevoli potenzialità di espansione perché risponde a bisogni sociali diffusi che l’emergenza sanitaria ha reso ancor più pressanti.

Iscriviti alla newsletter